Le ricette che vi proporrò sono tutte mie creazioni o rivisitazioni, rigorosamente essenziali, seguendo le stagioni, adatte ad una facile preparazione casalinga...

mercoledì 25 gennaio 2012

Spaghetti in brodetto di sogliola

Per la cottura di questi spaghetti ho usato la tecnica dello chef Antonello Colonna per la sua famosa "cacio e pepe". La pasta cuocendo assorbe, insieme all'acqua, il sughetto del pesce e il fondo, per l'amido della pasta, diventa cremoso. E' una tecnica diversa dalla "pasta risottata" e mi è sembrata più adatta perchè il pesce non avrebbe retto la cottura della pasta. Il risultato, benchè avessi a disposizione solo dei filetti di sogliola, è stato entusiasmante.

Ingredienti per 4 persone:
300 gr. di spaghetti,
4 filetti di sogliola (triglie, gallinella, cernia...),
8 pomodorini ciliegino,
2 spicchi di aglio,
1 bicchierino di grappa di Chardonnay o 1/2 bicchiere di Piemonte Chardonnay,
1 cucchiaino di erbe aromatiche tritate (maggiorana, timo, 1/4 foglia di lauro)
1 mazzetto di prezzemolo intero,
olio e.v.o. e sale grosso q.b.
 
Mettere a bollire l'acqua per la pasta. Intanto in un'ampia padella scaldare l'olio, aggiungere l'aglio in camicia schiacciato, le erbe aromatiche e i filetti di pesce. Lasciar insaporire poi sfumare con la grappa (o con il vino). Quando l'alcool sarà evaporato aggiungere i pomodorini e schiacciarli. Lasciar cuocere ancora qualche minuto, coprire, spegnere e tenere da parte.

Quando l'acqua bolle, buttare gli spaghetti. Appena l'acqua comincia a intorbidirsi per l'amido che rilascia la pasta, togliere quasi tutta l'acqua con il mestolo e metterla in un'altra pentola mantenendola in ebollizione. Continuare la cottura aggiungendo un poco alla volta parte dell'acqua che era stata tolta e continuare a mescolare. La pasta deve rimanere umida senza attaccare sul fondo. Quando è quasi cotta, prima di mettere l'ultimo mestolo di acqua, aggiungere il pesce a tocchetti.


Mescolare delicatamente, appena avrà assorbito il sughetto del pesce, aggiungere ancora un poco d'acqua e portare a cottura al dente.


Versarla nella padella di cottura del pesce, cospargerla di prezzemolo tritato, tenendone da parte un po' intero per la decorazione e saltare per mescolare bene. Lasciar riposare 1 minuto e impiattare formando il nido. Decorare con il prezzemolo.

 
Accompagnare con un Piemonte Chardonnay.


4 commenti:

  1. Oh pasta! great recipe, I am glad to find your blog.

    RispondiElimina
  2. Thank you, wellcome in essential cousine!!

    RispondiElimina
  3. Hi Marina! I have a surprise for you on my blog! Hope to see you there :)

    RispondiElimina
  4. Beautiful recipe, and I love pasta so much!
    me piacce molto! (is it right???)
    Although, I didnt quite understand surprise thing (Im sorry for that), I love stopping here every time you post!!

    RispondiElimina